La legge di attrazione

tutti i suoi inganni che ti stanno impedendo di attrarre ciò che vuoi

Pubblicato il: 15/11/2022

Legge di attrazione

Grazie al fenomeno “The secret” è uscita la legge di attrazione che ha fatto conoscere alle persone l’enorme importanza di ciò che pensano.

Per un attimo, milioni di persone, tutti i lettori di quel libro e tutti gli appassionati di questo tema hanno portato l’attenzione sul fatto che i pensieri hanno un’ importanza.

Mentre fino a poco tempo prima, infatti, non si facevano domande su che cosa stessero pensando. 

Grazie a questo fenomeno, (almeno) hanno iniziato a farsi delle domande

e a sforzarsi di fare pensieri positivi per attrarre ciò che volevano.

 Purtroppo, però, è estremamente facile cadere nel tranello e pensare di poter controllare a nostro piacimento i pensieri.

[Anche se, in realtà, è una cosa semplice da fare, se sai come funziona il meccanismo.

Qui, te lo spiego.]

Quante sono le persone che hanno provato a pensare ad avere un lavoro migliore, 

ad avere una vita migliore, 

una casa migliore, 

dei figli migliori, 

un partner migliore…

E poi le cose sono andate peggio di prima?

Il problema.

Il problema è riuscire a tenere l’attenzione su quei pensieri positivi.

Eh già.

Perché il pensiero positivo, in realtà, è bellissimo, ma sono davvero pochi quelli che riescono a mantenere un pensiero positivo costante.

E questo è dovuto al fatto che siamo costretti, a causa del nostro nemico, il killer numero uno della nostra felicità, ovvero  i loop, a fare pensieri negativi.

Quindi è impossibile, per quanto ci si possa sforzare, di tenere l’attenzione su ciò che vogliamo.

Quindi, piuttosto, per attrarre ciò che si vuole, inizierei a parlare, più che di legge di attrazione, di legge di attenzione.

Vedi, noi siamo circondati dall’abbondanza, viviamo nell’abbondanza e dobbiamo solamente portare l’attenzione su ciò che noi desideriamo e tenerla lì.

Il problema è proprio il fatto che non riusciamo a farlo per colpa dei loop.

Per il fatto che ci sequestrano e ci costringono a fare dei pensieri che ci limitano e ci impediscono di ottenere quello che vogliamo.

Tenere la nostra attenzione dove noi vogliamo è il segreto per vivere una vita ricca, felice e piena di gioia.

E questo è il 

👇🏻

Motivo per cui le persone non ottengono il successo che vorrebbero.

Le persone vorrebbero avere successo.

E l’anomalia principale, per quanto riguarda l’abbondanza, ad esempio, è proprio questa.

Cioè il volere.

Il volere, in realtà, è una vibrazione, una sensazione di mancanza.

Ogni qualvolta noi desideriamo qualcosa, infatti, stiamo emettendo un segnale di assenza proprio di quella cosa.

Il segnale di abbondanza, invece, è questo:

Possiedo già quella cosa e non mi serve nient’altro”.

Ed è questo il segreto.

Sintonizzarsi con il nostro desiderio e viverlo come se già lo avessimo.

È una cosa estremamente semplice, se ci pensi, ma non lo possiamo fare a causa dei loop.

Prova a immaginare stesso tu, adesso, qualcosa che desideri veramente.

  • Un lavoro migliore,
  • un partner che impari a mettere i bianchi coi bianchi e i neri coi neri e che impari a farsi la doccia una volta a settimana🤣,
  • un voto migliore,
  • un contratto migliore…

Se, nel momento in cui ci pensi, sale una sensazione, qualcosa che dice 

“no, non ce l’hai questa cosa e neanche ce l’avrai mai perché non la meriti”,

allora potrai renderti davvero conto che sono solo i pensieri che riescono a programmare il nostro cervello.

Quindi, dobbiamo passare dalla mancanza, dalla carenza, dal desiderio…  Al “Ho già tutto”.

Il Buddha diceva che il desiderio è la radice del nostro male.

Ed  è proprio così.

Perché nell’esatto momento in cui desideriamo qualcosa, lanciamo un segnale di carenza e di mancanza fortissimo che continuerà ad allontanarci da ciò che vogliamo a causa dei loop.

Per attrarre abbondanza dobbiamo pensare che c’è, anche se non c’è.

Questa è la fede che sposta le montagne.

E sai di cosa c’è bisogno per fare questo?

👇🏻

Disciplina e Mindset

Per lavorare su se stessi c’è bisogno di un’enorme disciplina.

Di solito paragono i miei corsi a un San Patrignano.

Sai, quella bellissima comunità di recupero per tossicodipendenti e tutti coloro che sono afflitti da una qualche difficoltà.

Perché?

Io considero la mente la somma di tutti i loop, ovvero di quei circoli di pensiero-sensazioni, quegli schemi mentali che ci bloccano e ci impediscono di essere, fare e avere ciò che vogliamo.

E nei miei corsi, parlo di San Patrignano proprio perché insegno a disintossicarsi da questi loop che si installano nel nostro corpo.

E per toglierli c’è bisogno di un mindset e di avere un desiderio molto importante:

ovvero desiderare la propria libertà più di tutto ciò che c’è fuori.

Se tu non desideri la tua libertà dai loop più della Ferrari, più del posto di lavoro, più del tuo partner super mega galattico che ti porta il caffè a letto e ti fa le coccole,

allora rimarrai imprigionato in una trappola molto più pesante di quello che desideri.

Quindi, è importante molta disciplina e forza di volontà per uscirne.

Bisogna desiderare la propria liberazione dalla sofferenza che ci impone la mente come l’acqua nel deserto.

Quando capisci che la vera libertà è la libertà dalle sensazioni che ti tengono schiavo dei tuoi desideri,  allora raggiungi la vera felicità.

In un altro articolo, ti ho parlato proprio di questo.

Ovvero del fatto che non esiste una vera definizione del concetto di ricchezza, bensì una sensazione (diversa per tutti) legata ad essa.

(Per leggerlo, clicca qui)

E  qual è l’unico modo per raggiungere quella sensazione?

I fan della legge di attrazione risponderebbero che fare la Vision Board rappresenti un primo passo per attrarre ciò che si vuole, ma lascia che ti dimostri che non è così.

👇🏻

La Vision Board: perché non funziona?

Come dicevo poc’anzi, la vision board deriva dagli esercizi che vengono insegnati quando si parla di legge di attrazione.

Sostanzialmente, si tratta di prendere un bel foglio su cui appiccichi tutti i tuoi desideri.

Bastano un foglio, carta, penna, la data entro quando vuoi realizzarli. E sembra tutto fatto.

Molte persone lo fanno, (e, in realtà, è già una cosa importante perché così imparano a vedere quante volte pensano all’oggetto del desiderio)

ma purtroppo, come ti accennavo prima, non si rendono conto di quel segnale di carenza che mandano quando portano l’attenzione proprio lì.

Ad esempio,

prova a  puntare l’attenzione sul conto in banca. 

Magari ti viene un mal di stomaco assurdo perché quelle cifre non ci sono.

Quindi, invece di essere uno strumento per ottenere i risultati, diventa uno strumento che aumenta (oltre all’ansia) ancora di più la distanza tra te e ciò che vuoi ottenere.

Per attrarre davvero ciò che è scritto nella lista dei desideri, bisogna fare questo:

andare ad eliminare tutta la carica che hai nel volerlo.

Questo perché, come detto prima, ogni volta che desideri ardentemente qualcosa, non fai altro che emanare un segnale di carenza che ti separa, ancora, di più da ciò che vuoi.

Una volta che sei libero da questo, puoi finalmente dedicarti a portare l’attenzione, libera da qualsiasi loop e turbamento, ovunque tu voglia.

Questa è la massima fonte di libertà.

Quindi, facendo un breve recap.

La  Vision Board non funziona davvero, 

perché ti dice di visualizzare l’oggetto del desiderio per attrarlo e di pensare positivamente.

Ma dato che non sempre riesci a pensare positivo, a causa dei loop, perdi l’attenzione e non riesci ad attrarre ciò che vuoi.

Per essere puro pensiero positivo ed essere, fare e avere tutto ciò che vuoi, attraendo tutto ciò che vuoi, devi solo fare una cosa.

Eliminare ciò che disturba i tuoi pensieri positivi: i loop.

Ti mostro qui come fare attraverso un esercizio in sei step che ti permette di proseguire dritto verso la tua felicità senza più alcun ostacolo creato dalla tua mente.

Magari, come la maggior parte delle persone, potrai anche renderti conto che ciò che hai sempre voluto era solo un altro loop e un’illusione (o, magari, un desiderio di qualcun altro).

Ecco perché ora ti faccio una domanda a cui, forse, non hai mai pensato attentamente

e che ti aiuta ad ottenere quel tipo di sensazione di cui ti parlavo prima.

👇🏻

Cosa vuoi fare da grande?

Questa è una domanda con cui di solito faccio andare in crisi le persone.

Uso il termine “da grandi” anche se, magari, sei in pensione e hai una certa età.

Questo perché, sin da piccoli, ci fanno fare qualcosa che non vogliamo fare.

 Magari, dobbiamo dedicarci all’ossessione del papà o della mamma…

Hai presente quelle classiche frasi:

“Dovresti lavorare in banca”

“Dovresti prendere un bel posto fisso”

“Fare l’attore è un hobby. Non è un lavoro per le persone comuni”?

Beh.

Sappi che in molti si ritrovano a crescere troppo in fretta e a ricoprire questi ruoli e si trovano, anche in tarda età, a non aver mai pensato a cosa veramente fa loro vibrare il cuore.

Questo perché si finisce per essere fagocitati dai pensieri e dai sogni degli altri.

Di chi, magari, vuole il meglio per noi, ma ci tarpa le ali, negando alla nostra vera natura ed essenza di evolversi e prendere la direzione che vuole.

Ecco perché quando, poi, le persone, da grandi, cominciano a tirar fuori ed eliminare i primi strati di loop, 

ovvero pensieri e condizionamenti interiori negativi autolimitanti che saltano fuori appena si prova a fare qualcosa di bello e che, di solito, si manifestano con sensazioni spiacevoli alla gola, petto e stomaco,

iniziano a ritrovare quel bambino interiore e iniziano a porsi, per davvero, per la prima volta, questa domanda.

E la realtà è che la nostra Mission, quello che è nostro destino, non è una cosa, non è un lavoro, non è un progetto, un lavoro o una casa da sogno. 

Perché nulla di questo ci darà, in realtà, mai appagamento.

Pensa alle persone più ricche del mondo, quelle che hanno tutto, e poi crollano perché hanno quella perenne sensazione di vuoto.

Questo accade perché ciò che vogliamo non è un bene di lusso o uno status, ma una sensazione.

Prova a immaginare, ad esempio, di fare il lavoro dei tuoi sogni.

Quel lavoro dei tuoi sogni ti farà scattare dentro una sensazione piacevole che ti sta indicando che è ciò che è la tua Mission, ciò che vuoi fare.

Se tu ti concentri su quella sensazione, 

allora non devi più aspettare di arrivare a raggiungere qualche obiettivo.

Ma stai costantemente vivendo la tua Mission.

Stai costantemente vivendo in quella sensazione di piacere e quindi il viaggio diventa qualcosa di meraviglioso.

 Non ti serve raggiungere nessun obiettivo, perché è come se già lo avessi raggiunto.

E questa è una cosa meravigliosa perché è l’unico sistema per ottenere pace.

Immagina quante persone pensano:

“ Solo se avrò un milione e sarò ricco, allora sarò felice”.

Se tu senti la mancanza, allora non avrai proprio nulla.

Se, invece, inizi già a provare quella sensazione e stai già godendo, 

allora il viaggio ti porterà matematicamente ad avere quella ricchezza.

E se non arriverà quella ricchezza, starai già comunque bene.

Tutto qua.

Ora

👇🏻

Come puoi capire se hai blocchi che ti impediscono di avere ciò che vuoi?

Come avrai intuito, ti basta semplicemente pensare a qualcosa che desideri.

Quindi, metti che sia un nuovo lavoro, metti che sia un nuovo partner, oppure che devi migliorare il tuo partner o il tuo lavoro.

Oppure, prova a immaginare una casa nuova, un’auto nuova ecc.

Qualsiasi cosa a cui porti l’attenzione e ti scatena qualcosa che non va nel corpo, ovvero una sensazione negativa, è un loop.

Matematico.

L’hai già individuato. 

E se già l’hai individuato, allora saprai bene, ormai, che l’unica soluzione per trasformare la sensazione negativa in quella sensazione positiva di cui ti parlavo prima…

(E, di conseguenza, portare a te l’oggetto del desiderio)

È abbattere quel dannato loopo cattivo🐺

Insomma, riflettici.

Come può essere che tu porti l’attenzione alla casa nuova, che dovrebbe essere una cosa bella e meravigliosa, e appare un blocco?

Come può essere che porti l’attenzione a qualcosa di meraviglioso, magari il tuo partner, e appare un blocco che ti impedisce di amare?

Questo accade solamente perché c’è un loop.

Nel momento in cui non c’è più un loop, allora riesci a godere già di quella sensazione e riesci già a godere dell’oggetto del desiderio.

E quindi è più facile trovarlo.

Come attrarre ciò che desideri lavorando insieme agli altri

Cosa succederebbe se applicassi tutto il metodo con il partner o con la famiglia?

Devi sapere che, quando si lavora con il metodo da soli si ha una certa energia.

Un’energia pari a quella di una piccolissima e infinitesimale cellula di un unico grande corpo.

Ora, cosa accade se mettiamo due, tre, quattro, mille persone a lavorare insieme?

Che le cellule iniziano a comunicare, creando una potenza maggiore.

Una potenza enorme.

Cosa significa nella pratica?

Che il lavoro che stai facendo tu, magari, nella rimozione di un determinato loop, influenza in maniera molto decisa anche il lavoro dell’altra persona.

Io, nei miei corsi, ad esempio, metto sempre a lavorare le persone con il buddy.

Cioè con un compagno che ti supporta mentre provi a rimuovere un loop.

Faccio sempre lavorare le persone a coppia e questo per due motivi.

  1.  Perché, lavorando con l’altro, facendo una sessione con l’altro, impari a vederti con i suoi occhi.

Impari a vedere dove magari tu sbagli ed impari un sacco di cose.

  1.  Perché quando lavori con l’altro lo Stato Senzamente aumenta.

È possibile – ed è successo tante volte – che un loop che, magari, stai eliminando tu si porti via anche il mio.

Come se la rimozione di un acino d’uva portasse via con sé l’intero grappolo.

Come se la rimozione di un loop di una piccola cellula andasse ad eliminare, inconsciamente, i loop delle altre cellule che fanno parte di quel corpo grandissimo.

Anche se non c’è mai stato un lavoro diretto di rimozione.

In pratica, più persone si radunano a fare questo lavoro (c’è anche una formula matematica eh), molte più persone entrano in uno stato di “meditazione estremamente profondo”.

E vanno ad eliminare loop di cui, magari, non sono consapevole.

E questa è una cosa meravigliosa. 

Anche a me è successo.

Ti porto un breve esempio.

A me è successo di essermi trovato ad un esposizione di insetti, accompagnato dai miei bambini, con una tarantola in mano.

Devi sapere che ho sempre avuto una paura folle delle tarantole, eppure, in quel momento, ero tranquillissimo e, come per magia, avevo smesso di aver paura.

I miei bambini sono anche andati in panico, perché hanno sempre saputo che se avessi preso un ragno sarei morto.

Molto probabilmente avevo lavorato su questo aspetto con un’altra persona e sono andato ad eliminare questo mio loop.

Cioè quella sensazione che avevo riguardo a quella bestiolina pelosa.

Questo è quello che succede lavorando in unione, in comunità con gli altri, ed è un percorso assolutamente fantastico da fare in coppia. 

Quindi, il mio consiglio è quello di lavorare sempre assieme a più persone perché l’energia aumenta in maniera pazzesca.

Ecco perché, nei miei eventi, dico sempre che più siamo meglio è.

E se hai mai partecipato ad un Senzamente Day, sai benissimo di cosa parlo.

(A proposito, per rimanere aggiornato sul prossimo, clicca qui)

Inoltre, 

lavorare insieme al tuo partner, figlio, collega o capo, sulla rimozione di un loop…

Può aiutarti anche a rimuovere tutta una serie di meccanismi e dinamiche malate che non ti permettono di godere delle relazioni a pieno.

In “Non penso dunque amo”, infatti, ho spiegato proprio come utilizzare il metodo di rimozione dei loop per avere tutto ciò che vuoi nelle tue relazioni.

Sia quelle sentimentali che quelle professionali.

Il mio consiglio, quindi, è quello di metterti subito all’opera e di coinvolgere un compagno.

Così che, ancora più velocemente, riuscirai a rimuovere i tuoi blocchi interiori che ti impediscono di essere, fare e avere tutto ciò che vuoi 

e raggiungere, finalmente, attraverso lo Stato Senzamente, quella sensazione di pace e di felicità che tanto desideri❤️

Andrea Magrin.

Andrea Magrin

Riuscirai a leggere fino in fondo
o ti fermi in superficie?

Condividi
l'articolo

Lascia il contatto per ricevere maggiori informazioni sul Metodo Magrin

Intro Quando non si è felici durante il successo significa che c’è qualcosa che non va. C’è chi crede che si tratti di una
Intro Qual è il segreto per ottenere il rispetto e la stima di chi ci circonda? Cosa spinge decine, centinaia e migliaia di persone

Non Penso
Dunque Sono

Scopri la tecnica in 6 passi per fermare i pensieri e trasformare i loop in pace assoluta.

Non Penso
Dunque amo

Un percorso di liberazione dall’amore condizionato all’amore incondizionato grazie alla scoperta della tua vera essenza.

Training intensivo di un giorno per accedere al tuo potenziale, realizzare i progetti più importanti, liberarti dai pensieri autolimitanti e riuscire ad affrontare ogni situazione a tuo vantaggio.